Trovare lavoro in UK: cose da sapere

Molti di noi italiani vengono in UK per fare un’esperienza lavorativa, o per liberarsi dalla precarietà che sembra essere la regola in Italia di questi tempi.

La realtà lavorativa anglosassone è molto diversa da quella italiana: è più dinamica, più meritocratica, ma anche molto più competitiva.

Questo significa che in generale la gente trova un’occupazione, lavora per qualche anno, e poi via verso una posizione più remunerativa o più soddisfacente lasciando il posto a qualcun altro. Tuttavia ci sono mille altri che vogliono la stessa posizione, con anni di esperienza nel campo ed un bagaglio di ambizioni. E l’afflusso migratorio di gente da qualunque parte del mondo non rende le cose più facili…

Dunque sì, forse qui c’è più disponibilità di lavoro, ma bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare molto duramente per farsi spazio in questa realtà che viaggia a mille miglia orarie.

Per rendersi desiderabili non solo bisogna accumulare esperienza e ottenere le qualifiche richieste per lavorare nel campo di interesse, ma c’è dell’altro. Ecco i consigli che possiamo dare a chi vuole lavorare in UK:

  • Impara la lingua. Per lavorare in UK bisogna capire e comunicare ad un livello professionale. Dunque è importante fare tutto quello che si può prima di partire (seguire corsi, vedere film in inglese, unirsi a gruppi di conversazione), e poi continuare il lavoro una volta arrivato qui. Con una base solida e molto impegno, il tuo inglese potrà avere un’impennata quando ti sei stabilito in UK.
  • Sii preparato a cominciare da zero; se non hai nessuna esperienza in UK e il tuo inglese non è ancora top-notch non avere paura di cominciare dal basso, anche se in Italia eri abituato a tutt’altro e pagato molto di più. Questo ti darà comunque la possibilità di accumulare esperienza, migliorare la lingua e farti spazio nel mercato. Se ancora non puoi lavorare nel campo aspirato cerca qualcosa che abbia più collegamenti possibili o che ti possa arricchire di esperienze che poi possono essere vendute. Se nemmeno questo è possibile, cerca delle attività di volontariato (parallelamente ad un lavoro per campare….). Scegli il tuo ramo di volontariato intelligentemente, in modo che ti dia esperienza verso la direzione desiderata, credibilità e una riga in più sul curriculum.  Questa è la linea scelta da molti e con l’impegno necessario ti darà una spinta iniziale nella tua scalata.
  • Impegnati a capire il mercato inglese; il mercato lavorativo in UK è molto diverso ed è importante capire come funziona il tuo settore di interesse; leggi riviste, vai a incontri, sbircia i siti di offerte di lavoro per capire se ci sono corsi o qualifiche che qui sono richieste per lavorare in un certo settore che magari in Italia non esistono.
  • SCRIVI UN BUON CURRICULUM! Non possiamo stressare a sufficienza quanto questo sia fondamentale. Il tuo curriculum è il modo in cui ti presenti al mondo del lavoro.  La formula per un curriculum vincente in UK non è necessariamente la stessa che useresti in Italia. E’ di fondamentale importanza che il tuo curriculum venga scritto in modo da renderti desiderabile nel mercato di lavoro inglese. Consigli per creare un curriculum UK in questa pagina.

Nota bene: per poter lavorare in UK avete bisogno del National Insurance Number. Ottenerlo e’ facile come spiegato in questa pagina.

Scrivere in CV per lavorare in UK